L’hip hop deve arrivare dal basso. Intervista ai Rolla Boys

4

I Rolla Boys nascono a Prato nel 2010 dall’incontro tra Creep e Gori Boy. Entrambi con progetti solisti alle spalle, iniziano una collaborazione che nel 2011 porterà ad un primo mixtape. L’attuale formazione composta da CreepGori Boy, lo Zio Tom e Emoflorence nasce però nel 2013, anno in cui i ragazzi decidono di costruire uno studio insieme, e pubblicare il primo album, Fuoriclasse, un disco ruvido e senza mezze misure, una valvola di sfogo di rabbie, dolori e problemi quotidiani.

Perché l’hip hop, se è sincero, dev’essere così.

L’attuale formazione dei Rolla Boys ha preso vita nel 2013, ma tutti voi eravate già attivi musicalmente da prima. Come siete arrivati alla creazione del nuovo progetto? E i pezzi dell’album sono nati tutti dopo questo incontro?
Ci conosciamo tutti da molto e anche se fino ad ora ci siamo concentrati sui progetti solisti ci siamo sempre frequentati. Nell’ultimo anno la nostra amicizia si è rafforzata ed abbiamo deciso di creare un gruppo. Ovviamente tutte le tracce sono nate dopo il nostro incontro, con la consapevolezza di voler costruire un progetto insieme.

Quali sono le maggiori difficoltà che avete incontrato finora sul vostro cammino? Il panorama musicale italiano è ancora pronto ad accogliere gli artisti emergenti?
Quando con un progetto si parte da zero si trovano ancora più difficoltà, ma grazie all’amicizia che ci lega il lavoro è proseguito e alla fine siamo arrivati in fondo. Oltretutto condividiamo tutti le stesse idee, cosa che ci semplifica molto le cose!

Il panorama rap italiano sembrerebbe pronto, anche per nuove sonorità, ma ci sono tantissimi artisti emergenti che non riescono ad uscire nonostante l’impegno, la bravura e la professionalità.

Secondo voi, chi sono oggi i veri fuoriclasse? Cosa significa per voi fare hip hop?
Ognuno può essere un fuoriclasse nella sua vita se si pone degli obiettivi e riesce a raggiungerli. Il concept del disco è proprio questo e lo riprendiamo in molte tracce. Fare hip hop per noi significa lavoro, passione, ed è un vero e proprio stile di vita. Tutto ciò che circonda il mondo del rap ormai è il nostro pane quotidiano e non potremmo mai farne a meno.

fuoriclasse

I titoli delle canzoni sono molto diretti e rivelatori: penso, ad esempio, a Non giudicarmi, Mani sporche, Le mie scelte, Non ce ne fotte un cazzo. C’è un pezzo che secondo voi racchiude meglio la vostra filosofia di vita e lo spirito della vostra musica?
Non ce ne fotte un cazzo era un vecchio pezzo che abbiamo ripreso e inserito nel disco, perché anche se sono passati tanti anni la nostra “filosofia di vita” resta la stessa. Non è una provocazione, ma semplicemente un modo per far capire che facciamo cio che ci piace fare senza guardare in faccia nessuno.

La vita è davvero tutta una bugia? E l’hip hop è davvero sempre sincero?
La vita non è tutta una bugia, ma è sicuramente piena di bugiardi. L’hip hop è sincero quando è fatto con il cuore e quando chi lo fa crede in ciò che sta rappando.

Notate delle differenze tra l’hip hop italiano e quello internazionale? E qual  quello a cui fate più riferimento? 

Non pensate che oggi l’hip hop, sdoganato anche in tv e nei talent show, rischi di perdere genuinità e diventi troppo inflazionato?
In ogni paese la situazione è sempre la stessa, c’è l’ hip hop classico e tutte le varie tendenze che lo circondano. Noi facciamo riferimento al rap francese e americano, anche se siamo cresciuti ascoltanto e facendo rap italiano e sappiamo bene quello che succede nella nostra nazione. Da quanto vediamo adesso i talent show ancora non hanno capito bene come valorizzare un artista, soprattutto un artista rap. Benchè ora sia un genere inflazionato, in Italia la musica rap ha ancora bisogno di crescere per raggiungere i livelli degli altri paesi, e speriamo che la direzione giusta per crescere arrivi sempre dal “basso” e non dai vari talent.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...