Amanda e la Banda celebrano le donne del blues – Live 07/03/2015

07032015_small

Un’Otto marzo dedicato alle donne del blues per celebrare in modo alternativo la Festa della Donna. Questa la brillante idea di Italian Blues River che, in collaborazione con il Bloom, ha dato vita ad una piacevolissima serata.

a043

Rosemary Seganfreddo

In apertura “ROSE&BLUES”, quartetto di recente formazione (dicembre 2014) con a capo Rosemary Seganfreddo, vocalist dalle grandi potenzialita’ accompagnata da un trio chitarra, basso e batteria che contribuisce a creare le giuste atmosfere. E non poteva che toccare a loro l’inizio considerato che, come si legge nella loro biografia, “Rose&Blues si cimenta nell’interpretazione di brani che rendono omaggio alle grandi cantanti donne del Blues , Soul e RB americano quali Nina Simone, Etta James, Koko Taylor, Big Mama Thorton , Ella Fitzgerald, le piu’ contemporanee Norah Jones e Beth Hart ed altre”. Da quanto abbiamo ascoltato nel breve set ne usciamo con la certezza che di loro ne sentiremo parlare ancora nei prossimi mesi.

a071

Amanda

Ma e’ quando la voce fuori campo annuncia l’entrata in scena di Amanda che il pubblico avverte la sensazione che bisognava proprio esserci . Sulla scena dal 2002 e supportata da una band ricostruita e formata da musicisti giovanissimi, Amanda presenta un set “costruito” per l’occasione ripercorrendo i momenti piu’ significativi delle “donne blues” dagli anni Venti agli anni Sessanta. Partendo da un’accattivante cover di “Save Me” dal repertorio di Aretha Franklin si e’ passati a brani di Bessie Smith, Nina Simone, Etta James ed altre. Ed in ogni brano Amanda ha mostrato grinta da vendere oltre ad una straordinaria capacita’ in intrattenere e coinvolgere il pubblico raccontando brevemente la storia di ciascuna canzone .

a105

Amanda

Nel finale, rappresentato da una “dilatata” cover di “Tell Mama” di Etta James e’ uscita tutta la forza della band. Da Alex Canella, virtuoso batterista ventitreenne, ad Andrea Caggiari al basso senza trascurare Paco Martucci alla chitarra e Marco Confalonieri alle tastiere, un quartetto che supporta adeguatamente la voce di Amanda per regalare al pubblico una serata di quelle che rimangono nella memoria. E dopo oltre un’ora di musica blues che non trascurava qualche virata verso il soul, il funky ed il rock non potevano mancare i bis.

In prima battuta “You can have my husband” di Irma Thomas a cui segue “Piece Of My Heart” di Janis Joplin. Ed e’ a questo punto che si vorrebbe che la festa continuasse all’infinito. Ma non preoccupatevi. Amanda e la Banda torneranno e questa volta, se avete dovuto o scelto di rimanere a casa, fate l’impossibile per esserci. Ne varra’ sicuramente la pena.

Amanda

Amanda

Karlo Pulici

AMANDA E LA BANDA SET LIST :

(grazie ad Amanda per averci fornito la set list)

01. Save me (Aretha Franklin)

02. Empty bad blues (Bessie Smith)

03. St Louis blues (Bessie Smith)

04. Up above my head (Sister Rosetta Tharpe)

05. Death is awful (riarrangiamento dalla versione di vera hall)

06. Another man done gone (riarrangiamento dalla versione di da Vera Hall)

07. worksong (standard jazz , versione di Nina Simone)

08. I wish I knew how it feels to be free (Nina Simone)

09. Aint got no…I got life (Nina Simone)

10. I’d radher go blind (Etta James)

11. Married woman (Amanda Tosoni)

12. Trouble in mind (traditional, ripresa un po’ la versione di Aretha Franklin)

13. Tell mama (Etta James)

14. You can have my husband (Irma Thomas)

15. Piece of my heart (Janis Joplin)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...