Lùisa ” Never own” questa sera live al Gattò

Luisa_NeverOwn_Physical_1500px giovannigaravaglia-2143

Oggi mi trovo al Santeria di Milano per incontrare una ragazza di 22 anni, il suo nome è Luisa, è tedesca e grazie alla passione del padre per il nostro paese si porta con sè un nome italiano. Luisa si trova qui non per caso, ma perchè è una cantante ed è al suo esordio sulla scena discografica con l’album NEVER OWN. Mi sono fatta raccontare un po’ della sua vita e di questo suo primo lavoro. Premetto che tutta l’intervista si è svolta in italiano, ma avrebbe potuto svolgersi in tedesco, inglese o francese, e non per le mie doti da poliglotta, ma perchè Luisa parla e studia tutte queste lingue. Non canta in tedesco. Nell’album troviamo anche una canzone in francese ed una in italiano e la mia prima curiosità, non poteva che essere legata a questo aspetto. Perchè usare tante lingue e non la propria?! Mi ha spiegato che per lei studiare le lingue è affascinante sopratutto scoprirne i suoni, la poetica e la musicalità. Il perchè non canti in tedesco è legato al semplice fatto che è la lingua del quotidiano con la quale si sente meno libera di giocare con le parole. Luisa ha iniziato giovanissima ad approcciarsi al mondo della musica, prima con il pianoforte, poi con la chitarra acustica fino all’esordio, a quattordici anni, come cantante in un gruppo punk. A 16 anni inizia a scrivere le sue canzoni e incide un primo cd . La passione è oramai talmente forte che, finita la scuola, decide di buttarsi anima e corpo nella musica. Da quel momento suona e scrive il più possibile fino ad approdare alla Nettwerk che le produce NEVER OWN. L’album contiene dodici tracce che ti trasportano a volo d’angelo su mari invernali e boschi rigogliosi e la sua voce, dolce forte e raffinata allo stesso tempo, accompagna l’ascoltatore durante il viaggio. Non a caso l’album è stato registrato sul Tamigi e sul Mare del Nord e, Luisa, è riuscita a mettere queste atmosfere in tutte le tracce. Suoi i testi, sue le musiche e suoi gli arrangiamenti, con un esordio cosi c’è solo da aspettarsi il meglio! I suoi progetti per il futuro? Suonare suonare suonare. Luisa non si ferma mai , finisce un live e scrive. Per lei scrivere è come tenere un diario delle sue emozioni e della sua vita . Ha un sogno nel cassetto per il suo futuro: avere un suo studio con tanti strumenti con cui comporre nuove sonorità e produrre tanta bella musica. Tenetela d’occhio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...