Esce il 5 aprile “Crooner Freak” nuovo album di Cesare Carugi

crooner_cover

Tutto pronto per l’imminente uscita di “Crooner freak”, il terzo e nuovo album di Cesare Carugi.

Non abbiamo dubbi: e’ il disco della maturita’ dell’artista toscano che spazia tra rock e “americana” con risultati davvero sorprendenti. Composto nelle pause durante gli innumerevoli viaggi attravenso la nostra Penisola, a volte come tuor promoter, a volte come supporter di altri artisti ed in gran parte con destinazione locali che lo ospitavano in duo o full band per presentare le proprie composizioni.

Il punto di forza di Cesare Carugi e’ la costanza e la determinazione: quando sia ha qualcosa da raccontare e si avverte l’esigenza di farlo si riesce a realizzare il proprio sogno anche nel nostro Paese, pur tra mille difficolta’ e sforzi. Ed ecco che una campagna di crown founding tramite MusicRaiders riesce a raccogliere piu’ di quanto ci si aspettava consentendo di proporre al pubblico un disco che non ha nulla da invidiare a decine di dischi sfornati settimanalmente oltre oceano.

crooner1

Cesare Carugi Photo by Federico Sponza

E ad aiutare l’artista interviene anche quell’umilta’ che manca a troppi artisti nostrani e che evita l’egocentrismo permettendo alla passione per la musica di sopravvivere. In altre parole Cesare non ha mai smesso di ascoltare i dischi degli altri artisti, sia nuovi che del passato, assorbendone l’influenza e l’ispirazione indispensabili per proporre suoni coerenti con i nostri tempi senza chiudersi sotto la campana di vetro di un genere specifico o di un’epoca ormai entrata di diritto nel classico vintage.

Dalla sua pagina Facebook possiamo legere “Rispetto a “Pontchartrain”, è un disco più strutturato, più complesso dal punto di vista produttivo, che rende omaggio si alla musica americana ma ingloba dentro si sè tracce di british folk, della sabbia della California e della polvere del nord America, in un sound più ricercato, in cui alla presenza acustica si uniscono chitarre elettriche imponenti, numerosi sprazzi di psichedelia o qualche graffiata tra punk e blues. I suoi punti di forza sono appunto il sound delle chitarre (molte risalenti agli anni ’60) utilizzate nel gear e le fusioni vocali, che si rifanno spesso a CSNY e ai Beach Boys, ma anche a David Bowie, George Harrison, Ray Lamontagne, Jonathan Wilson o i Decemberists.”

crooner2

Cesare Carugi Photo by Federico Sponza

L’iniziale “The Long Black Wall” e’ la prima sorpresa del disco: se si riuscisse ad immaginare potremmo definirla psyco-grunge, suoni rock aggressivi che sintetizzano gli anni ’80 con i giorni nostri e che in parte ritroviamo in “The Underworld”.

Ma dopo la tempesta la quiete di “Waterfall”, splendida rock ballad che ci ricorda le prime canzoni di Elliott Murpy e ci porta a “John Butler Train”, tipica americana song con voce e chitarra acustica in primo piano con grande impatto emotivo.

“Face in the crowd” ci riporta al rock e cio’ che ne scaturisce e’ una canzone che potrebbe appartenere ad un album dei Clash se esistessero ancora. e potremmo proseguire citando le singole canzoni ed i fantasmi che le popolano. Ma cio’ che riteniamo davvero importante e’ invitare, soprattutto voi rockers da tempo nella generazione degli anta, a sottrarre qualche euro a quanto destinate per soddisfare il vostro feticismo in qualche singolo o Lp spesso privo di valore artistico per acquistare questo disco. Se “Crooner Freak” non otterra’ il successo che si merita stavolta potrebbe essere anche colpa vostra che continuate a osanarre “morti viventi” e non fornite alcun supporto alle nuove generazioni di musicisti.

Karlo Pulici

Cesare Carugi Official Facebook Page       Cesare Carugi Official Site

TRACKS LIST :

1. The Long Black Wall (3:48)
2. Waterfall (Halloween on Sunset Strip) (3:49)
3. John Butler Train (3:19)
4. Face in the Crowd (3:45)
5. Beautiful When You Cry (4:38)
6. Farewell San Francisco Bay (5:06)
7. Violet (4:08)
8. For Many Days to Follow (5:14)
9. The Underworld (4:19)
10. The Crowded House (5:33)
11. Certain Saturday Nights (3:58)
12. Like a Long Goodbye (4:54)

Music & Lyrics by Cesare Carugi
Lyrics revision by Vanessa Peters

crooner3

Cesare Carugi Photo by Federico Sponza

THE BAND

CESARE CARUGI: Lead/Backing Vocals, Acoustic/Electric Guitars, Electric 12 Strings Guitar, Electric Sitar, Harp.
LEONARDO CECCANTI: Electric Guitars, Electric Sitar (10), Loops and Programming (12).
MATTEO BARSACCHI: Bass.
MATTEO D’IGNAZI: Drums, Percussions.
NICO PISTOLESI: Piano, Keyboards, Whistle (7).
ALICE PISANO: Backing Vocals (2, 5, 6, 8).
GIANFILIPPO BONI: Programming (1).
TIM EASTON: Mandolin (3).
JOE BARRECA: Upright Bass (3).
RICCARDO MACCABRUNI: Accordion (3).
PAOLO ERCOLI: Pedal Steel (5).
EUGENE RUFFOLO: Lead/Backing Vocals (12).

TOUR DATES

02/04 CECINA (LI) Slow Record Shop
06/04 CECINA (LI) Birroteca Doppio Malto
13/04 GROSSETO Faq
14/04 LIVIGNO (SO) Marcos Pub
15/04 VIGNOLA (MO) Stones Cafè
21/04 ALESSANDRIA Mag Mell
22/04 OSNAGO (LC) Arci La LoCo
23/04 GALLARATE (VA) Carù Dischi
12/05 MILANO Nidaba Theatre
13/05 CANTU’ (CO) All’Unaetrentacinque Circa
14/05 MARANO LAGUNARE (UD) JoLive
20/05 RAVENNA Boca Barranca
21/05 FERRARA Arci Zone K

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...